Fattori SEO tecnici On-Site da valutare in un audit SEO

Nel SEO On-Site vi sono due aree di lavoro: la SEO dei contenuti e la SEO tecnica.
Nonostante la crescita della SEO dei contenuti, vedi “Content First” e “user Intent”, La SEO tecnica è incredibilmente importante.

Un sito web ha bisogno di una solida base tecnica per avere successo.

È una necessità e non un optional.

Che si tratti di conoscenza della programmazione, dell’architettura del server, dell’architettura del sito web, JavaScript, CSS o qualunque cosa sia, avere questa conoscenza ti metterà in una situazione di superiorità rispetto alla concorrenza.

La SEO tecnica ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito e identificare i problemi sui siti web che i SEO non tecnici non possono rilevare.

Esaminiamo alcuni dei problemi tecnici SEO più banali e anche più comuni.

1. Sitemap

La presenza di una sitemap aiuterà i motori di ricerca. Le sitemap sono di 2 tipi XML e HTML.
La mappa XML deve essere presente e corretta. La mappa HTML è utile anche all’utente. Esempio: https://www.trezzimarco.it/mappa-sito/

2. Robots.txt

Anche il file robots.txt è un file importante per i motori di ricerca aumentandone o diminuiendone il rendimento del sito web nei risultati di ricerca.

3. URL multipli: URL maiuscoli e minuscoli

La maggior parte dei webserver ha come sistema operativo Linux. Linux è Case- Sensitive ovvero distingue tra minuscole e maiuscole.
Questo problema può far sì che Google veda due o più versioni della stessa pagina come pagine differenti. Poichè i contenuti duplicati sono fortemente penalizzati cerchiamo di evitare questo caso.

Esempio: Una pagina del sito potrebbe essere raggiungibile dai seguenti URL:

  • https://www.example.com/this-is-the-url
  • https://www.example.com/This-Is-The-URL
  • https://www.example.com/this_is_the_url
  • https://www.example.com/thisIStheURL
  • https://www.example.com/this-is-the-url/
  • http://www.example.com/this-is-the-url
  • http://example.com/this-is-the-url

Google considera queste come sette pagine differenti che hanno il medesimo contenuto e pertanto penalizza il sito.

Il modo più semplice per risolvere questo problema, oltre a fare di tutto per evitare questo caso, è puntare il rel = canonical di tutte queste pagine all’unica versione che dovrebbe essere considerata la fonte del singolo contenuto.

Tuttavia, l’esistenza di questi URL è ancora fonte di confusione. La soluzione ideale è consolidare tutti e sette gli URL in un unico URL e impostare il tag rel = canonical sullo stesso URL singolo.

Un’altra situazione che può verificarsi è che gli URL possono avere barre finali che non si risolvono correttamente nei loro URL esatti. Esempio:

http://www.example.com/this-is-the-url
http://www.example.com/this-is-the-url/
In questo caso, la situazione ideale è reindirizzare l’URL all’URL originale preferito e assicurarsi che rel = canonical sia impostato su quell’URL preferito.

Se non hai il pieno controllo degli aggiornamenti del sito, tienili d’occhio regolarmente.

4. HTTPS e SSL

Le nuove versioni dei browsers stanno sempre più scoraggiando gli utenti ad entrare nei siti tramite il protocollo HTTP ed incoraggiando ad usufruire dei siti con protocollo HTTPS. Perchè?
Perchè, nella transizione tra il Client dell’utente ed il Server del sito, tramite HTTP i dati viaggiano in chiaro mentre con l’HTTPS sono criptati.

In accoppiata con HTTPS è raccomandata l’installazione di un certificato SSL. Questo certificato garantisce l’autenticità del sito.

Questo cosa c’entra con la SEO tecnica? Direttamente niente ma la sicurezza è un parametro importante nel posizionamento del sito.

5. Minimizzazione dei file CSS e JavaScript

Identificare il codice CSS gonfio, insieme a JavaScript gonfio, contribuirà a ridurre il tempo di caricamento del tuo sito.

Molti temi WordPress sono colpevoli di CSS e JavaScript gonfiati, che se si impiegasse del tempo per minimizzarli correttamente, questi siti potrebbero subire tempi di caricamento di 2-3 secondi o meno.

Idealmente, la maggior parte delle implementazioni di siti Web dovrebbe includere un file CSS e un file JavaScript.

Se codificati correttamente, la mancanza di questi file riduce al minimo le chiamate al server, potenziali colli di bottiglia e altri problemi.

7. Ottimizzazione dell’immagine

Identificare le immagini che pesano sulle dimensioni del file e che causano un aumento del tempo di caricamento della pagina è un fattore di ottimizzazione critico per ottenere il risultato corretto.

Questo non è un fattore di ottimizzazione fondamentale, ma può ridurre notevolmente la velocità del sito se gestito correttamente.

Usando il nostro ragno Screaming Frog, possiamo identificare i collegamenti alle immagini su una determinata pagina.

Quando hai finito di eseguire la scansione del tuo sito, fai clic sull’URL nell’elenco delle pagine, quindi fai clic sulla scheda Informazioni sull’immagine nella finestra sottostante:

Screaming Frog – Informazioni sull’immagine
Puoi anche fare clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi immagine nella finestra per copiare o andare all’URL di destinazione.

Inoltre, puoi fare clic su Esporta in blocco> Tutte le immagini oppure puoi andare su Immagini> Immagini senza testo alternativo.

Questo esporterà un file CSV completo che puoi utilizzare per identificare le immagini che mancano di testo alternativo o immagini che hanno un testo alternativo lungo.

Screaming Frog – testo alternativo o immagini mancanti

8. Errori HTML / convalida W3C

Correggere gli errori HTML e la convalida W3C da soli non aumenta il ranking e avere un sito completamente valido W3C non aiuta il tuo posizionamento, secondo John Mueller di Google .

Detto questo, la correzione di questi tipi di errori può aiutare a migliorare il rendering in vari browser.

Se gli errori sono abbastanza gravi, queste correzioni possono aiutare a migliorare la velocità della pagina.

Ma è caso per caso. Il solo fatto di farlo da solo non porterà automaticamente a classifiche migliori per ogni sito.

In effetti, principalmente è un fattore che contribuisce, il che significa che può aiutare a migliorare il fattore principale: la velocità del sito.

Ad esempio, un’area che può aiutare include l’aggiunta di larghezza + altezza alle immagini.

Per W3.org , se sono impostate altezza e larghezza, lo “spazio richiesto per l’immagine è riservato quando la pagina viene caricata”.

Ciò significa che il browser non deve perdere tempo a indovinare la dimensione dell’immagine e può semplicemente caricare l’immagine in quel momento.

Come controllare
L’utilizzo del validatore W3C su W3.org può aiutarti a identificare gli errori HTML e correggerli di conseguenza.

Assicurati di utilizzare sempre il DOCTYPE appropriato che corrisponda alla lingua della pagina analizzata dal validatore W3C.

Se non lo fai, riceverai errori ovunque. Ad esempio, non è possibile modificare DOCTYPES da XHTML 1.0 a HTML 5.

Validatore W3C

9. Ottimizzazione e test per dispositivi mobili

I dispositivi mobili sono destinati a restare e ci sono molte ragioni per l’ottimizzazione dei dispositivi mobili.

Ciò include il fatto che Google ha affermato che l’indicizzazione mobile-first veniva utilizzata per oltre la metà delle pagine web nei risultati di ricerca di Google alla fine del 2018.

A partire dal 1 ° luglio 2019, Google ha annunciato che l’indicizzazione mobile first è l’impostazione predefinita per tutti i nuovi domini web.

Questo dovrebbe essere incluso nei tuoi audit a causa della diffusione dei dispositivi mobili ora.

Questi problemi dovrebbero essere controllati.

Come controllare
Assicurati che tutti i contenuti che sviluppi possano essere visualizzati su dispositivi mobili

Installa lo switcher agente utente per Google Chrome.
Controlla i tuoi contenuti sui dispositivi mobili utilizzando lo switcher agente utente selezionando iPhone, Samsung, ecc.
Questo ti mostrerà come vengono visualizzati i tuoi contenuti su questi dispositivi.
Riduci ed espandi le dimensioni della finestra del browser per verificarlo.
Se il sito ha un design reattivo, controlla sul tuo telefono cellulare effettivo.
Segnalare al cliente qualsiasi risultato riscontrato nei risultati dell’audit.
Cosa controllare
Tutti i video che hai sulle tue pagine dovrebbero essere caricati ed essere compatibili con tutti i potenziali smartphone che il tuo utente utilizzerà.
Scorrimento dei tuoi contenuti: questa capacità consentirà ai tuoi contenuti di scorrere su qualsiasi dispositivo intelligente. Non forzare gli utenti a fare clic sul pulsante Avanti per passare al pulsante Avanti: questo è estremamente complicato e distrugge l’esperienza dell’utente.
Il tuo design dovrebbe essere sempre reattivo. Non usare mai più un sito web mobile.domainname.com. A meno che non si tratti di una questione politica per il tuo datore di lavoro, non ci sono scuse per qualsiasi sito web nel 2019 per avere un cellulare. o m. sottodominio. Qualsiasi sito web dovrebbe essere reattivo al 100% e dovrebbe utilizzare i fogli di stile appropriati.
Non utilizzare AMP. Attraverso una serie di studi di casi recenti che abbiamo eseguito, la rimozione di AMP ha effettivamente aumentato il traffico, anziché causare problemi con il traffico. Controlla le implementazioni della codifica AMP e assicurati che la codifica non esista. In tal caso, consiglia al client di rimuoverlo.

10. Forzare un singolo dominio

Un sito può essere raggiunto tramite molteplici varianti di URL:

http://www.example.com/
https://www.example.com/
http://example.com/
https://example.com/

Tutto questo non sarebbe un problema, anzi sarebbe una procedura corretta se non fosse che la ciando così le cose si creerebbero dei contenuti duplicati eda abbiamo già stabilito che questo è un problema pertanto è necessario che tutti gli indirizzi rispondano ma che ve ne sia uno principale e tutti gli altri vengano correttamente reindirizzati ad esso.

Perché alcuni “segnali” non sono stati inclusi

Alcuni SEO credono che i segnali sociali possano avere un impatto positivo e negativo sulle classifiche.

Altri SEO no.

Gli studi di correlazione, mentre sono stati fatti, continuano a ignorare il fattore principale: la correlazione non è uguale alla causalità.

Solo perché c’è un miglioramento nella correlazione tra risultati sociali e classifiche non significa sempre che i social migliorino il posizionamento.

Non è così importante come alcuni potrebbero pensare di avere social media attivi.

Tuttavia, è importante disporre di pulsanti di condivisione social sul sito, in modo da poter condividere quel contenuto e aumentare la possibilità che quel contenuto riceva collegamenti per la SEO.

Quindi non v’è quella dimensione pensare di quando questo genere di cose è incluso in questa guida di revisione.

Potrebbe esserci un numero di collegamenti aggiuntivi aggiunti allo stesso tempo, o potrebbe esserci un collegamento di autorità incredibilmente prezioso che è stato aggiunto o qualsiasi altro numero di miglioramenti.

Gary Illyes di Google continua a sostenere ufficialmente di non utilizzare i social media per il posizionamento .

L’obiettivo di questa checklist di audit SEO è mettere insieme controlli in loco e fuori sede per aiutare a identificare eventuali problemi, insieme a consigli pratici per risolverli.

Naturalmente, ci sono una serie di fattori di posizionamento che non possono essere facilmente determinati da semplici controlli in loco o fuori sede e richiedono tempo, metodi di tracciamento a lungo termine e, in alcuni casi, software personalizzato da eseguire.

Questi vanno oltre lo scopo di questa guida.

Si spera che tu abbia trovato utile questa lista di controllo. Buon divertimento e buon controllo del sito web!

Fonti: https://www.searchenginejournal.com/seo-audit/on-site-technical-seo-factors/